DSR3.5ITA:Basi

From D&D Wiki

Jump to: navigation, search
This material is published under the OGL

Le Basi[edit]

Le meccaniche basilari[edit]

Ogniqualvolta un giocatore tenta una azione che potrebbe non riuscire, bisogna lanciare un dado a 20 facce (d20). Per determinare se il personaggio riesce nell'azione il giocatore:

  • Lancia un d20.
  • Aggiunge ogni modificatore pertinente.
  • Confronta il risultato con un certo numero.

Se il risultato è uguale o maggiore di quel numero, il personaggio è riuscito ad eseguire l'azione. Se il risultato è minore, il personaggio ha fallito.

Dadi[edit]

I tiri di dado sono descritti con espressioni come "3d4+3", che significa "lancia tre dadi a queattro facce e aggiungi 3" (il risultato sarà un numero compreso tra 6 e 15). Il primo numero descrive quanti dadi devono essere lanciati (sommando i risultati). Il numero che segue immediatammente da lettera "d" descrive il tipo di dado che deve essere lanciato. l'eventuale numero che segue indica la quantità da sommare o sottrarre dal risultato.

d%[edit]

Il dado percentuale funziona im modo leggermente diverso. Bisogna generare un numero compreso fra 1 e 100 lanciando due dadi a 10 facce distinti. Uno di essi (scelto prima del lancio) indicherà le decine. l'altro dado indichrà le unità. il 100 è rappresentato dall'uscita di due zero sui lanci.

Arrotondare i decimali[edit]

Come regola generale, se si Ha che fare con numeri non interi si arrotonda verso il basso, anche se la parte decimale è un mezzo o più.

Eccezione: Alcuni tiri, come il danni e i hit points|punti ferita, hanno un minimo di 1

Moltiplicare[edit]

A volte una regola richiede di moltiplicare un numero o il risultato del lancio di un dado. Fintantochè si sta aplicando un solo moltiplicatore, si moltiplica il risultato normalmente. Quando due o più moltiplicatori si applicano ad un valore astratto (ad esempio un modificatore o il tiro di un dado), tuttavia, questi devono essere combinati in uno unico aggiungendo per ogni ulteriore moltiplicatore uno in meno rispetto al valore del moltiplicatore. Perciò un raddoppio (x2) e un'altro raddoppio (x2) applicati allo stesso numero si combinano in un x3 perchè 2 + (2-1) = 3.

Quando si applica un moltiplicatore a valori reali (come pesi e distanze), si applicano le mormali regole matematiche. Una creatura la cui dimensione raddoppia (e quindi il suo peso diventa 8 volte)) e che, in seguito, viene pietrificato (cosa che moltiplica il suo peso di circa tre volte) ora pesa 24 volte il suo peso iniziale, non 10 volte. ALlo stesso modo, una creatura cieca che sta attraversando un terreno accidentato calcolerà ogni quadretto come 4 (raddoppiando il costo due volte, per un moltiplicatore totale di 4, invece di 3 quadretti (aggiungento 100% due volte)


Back to Main Page3.5e Open Game ContentSystem Reference Document

Personal tools
Home of user-generated,
homebrew, pages!
d20M
miscellaneous
admin area
Terms and Conditions for Non-Human Visitors